Chi Siamo-Manufatti Teatrali

Ma.Te. - Manufatti Teatrali
sono due cellule atipiche, che attraverso idee teatrali e musicali, cercano di scontrarsi ed incontrarsi con altre cellule, selezionare quelle bòne ed unirsi per formare un tessuto più grande e realizzare occasionalmente singoli eventi culturali.

Scopo principale del gruppo Ma.Te. è valorizzare le singole differenze artistiche a favore di  progetti comuni. Punto d’incontro per artisti di ogni genere, i Manufatti Teatrali riescono a coniugare  stili differenti, che vanno dal teatro di prosa, comico e sperimentale, alla danza etnica, passando per la musica popolare, jazz, classica, tecniche circensi, burattini, arti  marziali e pugilato.

Negli ultimi anni la compagnia ha spostato la propria attenzione verso i cosiddetti  “teatri naturali”, ovvero la realizzazione di ogni tipo di spettacolo, in ogni luogo possibile,  evitando o reinventando, gli spazi tradizionali.

 

piedi_puskinANDREA "PUSKIN" GIANNONI  Attore/Regista
Dopo il diploma al Centro di ricerca e sperimentazione teatrale di Pontedera sulle teorie e pratiche di Grotowsky con Oida, Salmon, Bacci e Barba, si laurea in Sociologia delle Comunicazioni con il regista Roberto Faenza. Assistente di Carlo Cecchi su testi di Pinter, Beckett, Shakespeare, Buchner, Goldoni e Moliére. Fedele ad una visione aperta e contaminata del teatro contemporaneo, ha curato regie di spettacoli con attori "raccolti" per strada, ha fatto l'attore raccontando storie nei luoghi dove erano realmente accadute, ha detto quello che pensava recitando i classici.
 
piedi_giumaMARCO GIUNTI detto GIUMA  Musicista/Attore/Prep. Atletico   
Da giovane studiacchia chitarra classica e canto. Dopo essersi formato con il soprano Isabel Ricciardi di Gaudesi e Francesca Breschi (membro del quartetto vocale di Giovanna Marini), diviene docente per due anni del corso  di canto moderno dell’Accademia musicale Lizard, sede di Fiesole (Firenze). Specializzato nell'uso della voce in tutte le forme, approfondisce le sue conoscenze studiando i canti tradizionali di tutto il mondo. Nel frattempo inizia a suonare strumenti di ogni genere (compresi gli oggetti), cercando un approccio non classico, diretto, fisico, completamente autodidatta e personale. Dal 1998 al 2003 più di 500 concerti con cover band e jazz band. Alterna i ruoli di cantante, percussionista e chitarrista. Nel 2003 scrive e interpreta con piccola orchestra l’operina jazz I Pinguini Innamorati (attivi fino al 2007). Partecipa nel 2008 al Musicultura Festival (ex premio Recanati) e arriva in finale con il brano Dindoleindolente.  Scelto per il seguente Musicultura Tour, si esibisce nei principali teatri marchigiani. Attualmente prosegue la sua ricerca sull'improvvisazione vocale e oggettistico/strumentale , "imprestando" i suoi suoni per performances di danza, teatro sperimentale e varie.
www.giuma.tk - @homogiuma